874522 Visitatori
Navigazione: Patologia    Colonna vertebrale    Ernie e protrusioni discali menu

 Le ernie discali sono per lo più manifestazioni patologiche della malattia artrosica. Possono insorgere in tutte le regioni della colonna vertebrale. Le più frequenti e conosciute sono quelle lombari, ma si possono formare anche a livello cervicale e dorsale.

Lo spazio tra due corpi vertebrali è occupato dal disco intervertebrale, un cuscinetto di ammortamento semiliquido (nucleo polposo) tenuto al suo posto da potenti ligamenti (anulus). La causa più frequente da cui origina un ernia è la degenerazione del disco su base artrosica, oppure dovuta ad ipoperfusione data dalla sedentarietà e/o dal sovrappeso dell’individuo. Questa degenerazione determina cedimenti e fenestrazioni dell’anulus. Si parla di ernia quando il nucleo polposo protrude fuori dall’anulus.

Una lesione dell’anulus puù anche essere provocata da microtraumi ripetuti (lavori fisicamente impegnativi compiuti male, ma anche posizioni sbagliate in un fisico predisposto) o per un trauma importante che interviene a volte qualche giorno prima dell’erniazione, altre volte contemporaneamente. L’ernia, poi, può anche comparire nel momento in cui ci si rialza da una posizione in flessione anteriore, magari combinata da una rotazione. In questo modo infatti si spinge posteriormente il nucleo del disco intervertebrale che letteralmente si infila nella lesione che in precedenza era presente a livello dell’anulus, e fuoriesce.

Se il materiale erniato incontra e comprime una struttura nervosa, questa va incontro a sofferenza, che si manifesta, per lo più, con disturbi dolorosi e perdita della funzione. I sintomi variano a secondo della struttura nervosa coinvolta e la sede dell’ernia.

 Il disturbo più caratteristico è il dolore irradiato: se l’ernia è cervicale l’irradiazione sarà presente a livello dell’arto superiore (brachialgia), se l’ernia è dorsale il dolore è lungo il torace (algia intercostale), se l’ernia è lombare l’irradiazione è all’arto inferiore (sciatalgia).

La perdita di funzione consiste, nei casi più gravi, in alterazione dei riflessi e paralisi.

La diagnosi di ernia del disco viene confermata con la TAC o la RMN. L’elettromiografia indica quale è la struttura nervosa coinvolta ed il suo grado di sofferenza.

Si parla invece di protrusione discale quando a seguito della diminuzione del contenuto acquoso del disco, le vertebre si avvicinano (il disco è meno elastico) e per rispondere alla nuova situazione il disco cerca di trattenere più acqua e si gonfia, (protrusione discale) pur non avendo più le strutture perfettamente integre per contenerla.


DOVE SIAMO



Siamo in via G. de Vecchi Pieralice 43, 00167 Roma.
Tel: 06 39671253
Fax: 06 39380420.

APERTURA
Lun. - Ven. 9.00 - 20.00.

- FM3 Valle Aurelia
 - Metro A Valle Aurelia
- Autobus 490 e 998

(info ATAC Roma)

replicas relojes rolex replika
DIMITRULLA SRL - SEDE LEGALE: Viale dell'Arte 38 - 00144 ROMA
SEDE OPERATIVA: Via G. De Vecchi Pieralice 43 - 00167 ROMA
Tel: 06 39671253, Fax: 06 39380420, P.I. 06617751000
Email informazioni: centroeuropeofisioterapico@gmail.com
Site powered by Theoreo S.r.l.